Esclusiva

Ottobre 29 2021.
 
Ultimo aggiornamento: Gennaio 31 2022
Nasce l’Italian Digital Media Observatory dell’Unione Europea (IDMO)

L’Italian Digital Media Observatory si pone l’obiettivo di costituire il punto di riferimento per l’analisi e il contrasto alla disinformazione, in un mondo dove dilagano la disinformazione e le fake news. Con questo obiettivo nasce l’osservatorio ideato e finanziato dalla Commissione Europea, che è stato presentato al pubblico il 20 settembre 2021, nel corso della conferenza stampa di lancio del progetto nella Sala Colonne del Campus dell’Università Luiss Guido Carli di Viale Pola. Con l’obiettivo di affrontare temi di grandissima rilevanza, si è dato vita ad un network di hub nazionali sull’analisi dei social media.  Gli hub nazionali lavoreranno nel contrasto alla disinformazione in otto Paesi dell’Unione Europea, analizzandone l’impatto su società e cittadini per diffondere pratiche positive nell’uso dei media digitali, anche attraverso strumenti di e-literacy e fact-checking. L’Hub italiano, Idmo – Italian Digital Media Observatory, sarà realizzato con il coordinamento dall’Università Luiss Guido Carli insieme a Rai, Tim, Gruppo Gedi La Repubblica, Università di Tor Vergata, T6 Ecosystems, Newsguard, Pagella Politica e con la collaborazione di Alliance of Democracies Foundation, Corriere della Sera, Fondazione Enel, Reporters Sans Frontières, The European House Ambrosetti. A dare il via alle attività di questo progetto cosi ambizioso per la comunicazione a livello nazionale, europeo ma anche globale, erano presenti Paolo Gentiloni, Commissario Europeo agli Affari economici, Paola Severino, Vicepresidente Luiss, Carlo Fuortes, Amministratore Delegato Rai, Giuseppe Moles, Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri, Luigi Di Maio, Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Stefania Aloia, Vicedirettrice de La Repubblica Gruppo Gedi, Giuseppe Abbamonte, Media&Data Directorate European Commission e Luigi Gubitosi, Amministratore Delegato Tim. Nelle vesti di coordinatore dell’evento Gianni Riotta, Direttore Luiss DataLab e Master in Giornalismo e Comunicazione multimediale.